Come curare le scarpe in camoscio

Il fascino delle scarpe in camoscio è senza tempo: sofisticate e disinvolte, sono sempre adatte a una mise da lavoro o per il tempo libero, per un’occasione in cui il look debba essere elegante o sportivo. È sempre facile scegliere di indossarle, ma spesso a procurare qualche pensiero è la loro pulizia: non esiste calzatura altrettanto delicata e così soggetta a rigarsi, graffiarsi e macchiarsi. E rovinare una scarpa artigianale in camoscio è davvero un peccato!

Per mantenere al meglio i propri mocassini o stivali in camoscio esistono perciò dei piccoli accorgimenti che si possono mettere in pratica, sia quotidianamente sia in caso di macchie o altri danni.

Per togliere la polvere quotidiana le scarpe possono essere pulite, possibilmente ogni giorno, con una spazzola con setole in gomma da passare sulla tomaia, sempre nella stessa direzione e non avanti e indietro, per eliminare le eventuali striature: inoltre, soprattutto, se hanno qualche anno di vita, per tutte le scarpe in camoscio può essere utilizzata la camoscina, un prodotto apposito che aiuta a ravvivarne il colore.

Anche nelle situazioni di tutti i giorni, però, può capitare di rovinare le scarpe scamosciate, per colpa del fango, della pioggia, oppure di qualche sfregamento o di un piccolo incidente con vino, cibi e materiali unti… Perciò occorre individuare la soluzione giusta per rimediare.

In caso di sfregamento occorre spazzolare con forza avanti e indietro, mentre per le macchie sul camoscio le soluzioni sono diverse, come per esempio l’uso di una gomma per cancellare o di una gomma per camoscio, o in molti casi con un po’ di cotone imbevuto di latte.

Nel caso le scarpe siano macchiate per colpa dell’acqua, essa va tamponata con un panno asciutto e la scarpa va fatta asciugare (lontano dal sole e dal termosifone) inserendoci della carta perché non perda la sua forma e spazzolando una volta che la scarpa è asciutta.

Per l’unto sulla macchia si possono cospargere amido o talco, coprendo poi con carta assorbente e lasciando sopra un peso. Dopo una ventina di minuti si dovrà togliere l’amido con una spugna e sapone di marsiglia, strofinando in modo delicato. Infine si dovrà sciacquare la scarpa con un panno umido e metterla ad asciugare all’aria.

Se non vuoi rinunciare allo scamosciato, come regola generale ricordati che queste calzature vanno sempre pulite dopo l’utilizzo e devono sempre essere lasciate asciugare del tutto quando si bagnano.

E se ti è venuta voglia di comprarne un paio… Guarda nel nostro store le nostre proposte di scarpe artigianali in camoscio.

 

Lascia un commento